17 Gennaio: si celebra il Protettore degli Animali

17/01/2018

17 Gennaio: si celebra il Protettore degli Animali


Se oggi 17 gennaio 2018, ti senti particolarmente dolce senza un perchè... e ...se ti senti più sensibile del solito...

e sopratutto se ami tantissimo gli animali, ora saprai la motivazione. Come ogni anno, oggi, il 17 gennaio si celebra Sant'Antonio Abate, Patrono degli animali. Le leggende popolari dicono che la notte di S. Antonio Abate, gli animali acquistano la virtù, cioè hanno la facoltà di parlare, e nelle stalle i contadini possono capire ciò che dicono le loro bestie. Meglio ancora spiegato: Sant'Antonio tuttavia è considerato anche il protettore degli animali domestici, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto un maiale che reca al collo una campanella. Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle ponendoli sotto la protezione del santo. La tradizione deriva dal fatto che l'ordine degli Antoniani aveva ottenuto il permesso di allevare maiali all'interno dei centri abitati, poiché il grasso di questi animali veniva usato per ungere gli ammalati colpiti dal fuoco di Sant'Antonio. I maiali erano nutriti a spese della comunità e circolavano liberamente nel paese con al collo una campanella. Secondo una leggenda del Veneto (dove viene chiamato San Bovo o San Bò, da non confondere con l'omonimo santo), la notte del 17 gennaio gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio.

Chiunque ha un animale domestico lo considera a tutti gli effetti parte integrante della famiglia e per lui desidera il meglio, in salute e serenità, difatti in queste ore tantissimi animali sono in coda per ricevere la benedizione.

Un dolce bacino a tutti gli animali del mondo, che siate protetti e circondati di amore (sempre e non solo oggi).

(Staff HalloDog)